Anne Katrine Senstad

Radical Light
L’ambiente immersivo di sculture di luce di Senstad è un invito a incontrare le sensazioni percettive della luce e del suono in forma pura e il loro effetto trasformativo sull’esperienza dello spazio. Costruito con luci al neon, le proprietà luminali uniche influenzano il nostro sistema cognitivo in cui cadono l’artificialità delle luci a LED In quanto una delle più grandi opere indoor di Senstad fino ad oggi, la scultura di luce è concepita come un monumento e una matrice – una vasta sfera di luce spettrale che consente al pubblico di sperimentare di essere avvolto dalla radiosità della luce degli spettri più alti quando vaga attraverso il storica ex fabbrica di sottomarini che ospita lo spazio espositivo di 450 m2.

Cosentino and Benjamin Hubert

Raytrace
“È il sogno di un designer. Il processo è altamente tecnologico ma anche abbastanza artigianale; è una divisione intrigante. E parte di questo processo consiste nel rimuovere ogni traccia di acqua dal materiale usando un calore e una pressione incredibili. L’idea dell’installazione era di reintrodurre l’acqua, o almeno i giochi di luce che si ottengono dall’acqua, l’effetto della luce che gioca su un ponte su un fiume. È qualcosa che cattura sempre l’immaginazione.’ Raggiungere questo effetto ha richiesto tempo, fatica e trucchi algoritmici. “Volevamo ottenere il massimo effetto dalla cosa più piccola”, afferma Hubert. “Inizialmente abbiamo provato a usare un sottile strato di acqua in movimento sul vetro, ma ci è sembrato troppo letterale. Poi abbiamo pensato al modo in cui una sfera di vetro può diffondere la luce.’

Baron Lanteigne

Tangible Data
Tangible Data esplora e si infiltra in una comunità online che sviluppa un mercato dell’arte “virtuale” per un pubblico affamato di criptovalute. Una serie di loop animati, creati e monetizzati dall’artista per soddisfare le richieste e il consumo di questa comunità, forniscono la base per il progetto più ampio, che si estende su diverse piattaforme web. In questo nuovo mercato della criptoarte, tutto sembra pronto per l’universo virtuale che mostra paradossalmente caratteristiche inerenti al mondo materiale. Mentre Internet favorisce la condivisione accelerata e i contenuti ad accesso aperto, questa comunità soggetta alla tecnologia blockchain rarefa l’immateriale per consentire ai collezionisti di rivendicare i diritti sulle opere d’arte. Questo ha l’effetto insidioso di affermare il valore monetario delle opere d’arte immateriali basate sul web. Eppure, questo lascia spazio anche a una trasparenza senza precedenti riguardo alle transazioni effettuate in questo mercato.

Jan van der Ploeg

L’ artista olandese Jan van der Ploeg ha dipinto pareti e pannelli di grandi dimensioni per un paio di decenni. I suoi disegni geometrici colorati e precisi sono spesso affiancati da forme per lo più semplici a volte in bianco e nero, altre volte dipinte con colori luminosi e contrastanti, ma in entrambi i casi producendo sempre un effetto dirompente, a mio parere.

MARTE.MARTE ARCHITEKTEN

RÖMERVILLA FELDKIRCH

“Gli scavi presso la villa romana di Brederis offrono importanti spunti sulla storia dell’insediamento romano nell’area di Feldkirch. Una scultura walk-in è stata collocata tra i resti delle fondamenta di due diversi tipi di case. La torre a forma di disco e il muro che crea lo spazio frammenti lungo un altopiano di forma trapezoidale mettono in scena la posizione di fronte alla raccolta di reperti. L’uso dell’acciaio corten permea il sito con un’aura storica e sottolinea l’effetto scolpito della forma libera che contribuisce a rendere il sito di scavo un punto di riferimento.” Divisare

john de andrea

جون دي اندريا
존 드 안드레아
ジョン·デアンドレア
ДЖОН ДЕ АНДРЕА
Partendo dagli orientamenti artistici dell’iperrealismo, ha come tema privilegiato i nudi femminili, realizzati in fibra di vetro e PVC colorato. Le figure, rese in maniera quanto più possibile aderente alla realtà, mostrano un effetto di freddezza in netto contrasto con la sensualità del soggetto raffigurato.

WILL DORNER

ويلي دورنر
威利·多纳
Вилли Дорнер
Bodies in urban spaces

Willi Dorner è un artista austriaco che ha realizzato una serie di installazioni/performance di strada sotto il titolo Bodies in urban spaces. In queste i corpi umani e lo spazio pubblico si fondono nel contesto di performance di ballerini e atleti, che prendono possesso di spazi urbani altrimenti scarni, grigi, inanimati e anonimi, provocando un effetto tanto straniante quanto armonioso rispetto alla percezione di quelli.

Stanza

The Nemesis Machine
via highlike submit

The Nemesis Machine è una grande installazione (adattata a ogni luogo in cui viene esposta) che è una città in miniatura. Visualizza la vita nella metropoli sulla base dei dati trasmessi da Londra. Quindi la città costruita a Bruges utilizzando componenti elettronici riflette in tempo reale ciò che sta accadendo dall’altra parte della Manica. Piccole telecamere mostrano le immagini dei visitatori in modo che diventino parte della città.Una mini metropoli meccanica funziona su dati urbani in tempo reale. L’opera d’arte cattura i cambiamenti nel tempo nell’ambiente (città) e rappresenta la vita mutevole e la complessità dello spazio come un’opera d’arte emergente. L’opera d’arte esplora nuovi modi di pensare alla vita, all’emergenza e all’interazione all’interno dello spazio pubblico. Il progetto utilizza tecnologie di monitoraggio ambientale e tecnologie basate sulla sicurezza, per mettere in discussione le esperienze del pubblico degli eventi in tempo reale e creare visualizzazioni della vita mentre si svolge. L’installazione va oltre la semplice interazione da parte del singolo utente per monitorare e rilevare in tempo reale l’intera città e rappresentare interamente le complessità della città in tempo reale come un sistema complesso in mutamento, i dati e le loro interazioni, ovvero gli eventi che si verificano nell’ambiente che circonda e avvolge l’installazione – si traducono nella forza che dà vita alla città elettronica provocando il movimento e il cambiamento – cioè, nuovi eventi e azioni – che si verificano. In questo modo la città si esibisce in tempo reale attraverso il suo avatar fisico o doppio elettronico: la città si esibisce attraverso un’altra città. Causa ed effetto diventano evidenti in modo discreto e intuitivo, quando determinati eventi che si verificano nella città reale fanno sì che certi altri eventi si verifichino nel suo doppio completamente diverso, ma perfettamente incorporato. La città avatar non è solo controllata dalla città reale in termini di funzione e funzionamento, ma anche completamente dipendente da essa per la sua esistenza.

OLAFUR ELIASSON

オラファー·エリアソン
اولافور الياسون
奥拉维尔·埃利亚松
אולאפור אליאסון
Олафур Элиассон
The cubic structural evolution
Al centro del lavoro di Eliasson c’è la considerazione di come percepiamo e viviamo il mondo. Spesso fabbrica fenomeni dall’aspetto naturale (come la luce del sole, l’acqua corrente o la nebbia) in ambienti artificiali come una galleria d’arte. Questi fenomeni fabbricati coinvolgono direttamente i sensi del suo pubblico e sollecitano riflessioni su come viviamo le cose. Eliasson ha descritto questo effetto come la capacità di “vedere se stessi vedendo”. Il progetto di evoluzione strutturale cubica 2004 è un’opera d’arte partecipativa in cui gli spettatori contribuiscono alla costruzione di un mondo Lego. È un lavoro in cui Eliasson incoraggia un livello di coinvolgimento molto diretto. Gli spettatori sono in grado di guidare attivamente la loro esperienza del lavoro mentre prende forma organicamente per tutta la durata della sua installazione.