Bernd Lintermann and Peter Weibel

YOUR:R:CODE
Il titolo può essere letto in due modi diversi: l’interpretazione »your code« indica che nell’installazione i visitatori sperimentano diversi tipi di trasformazioni digitali di se stessi. Mentre entrando, un visitatore vede ancora il suo riflesso familiare in uno specchio – la rappresentazione virtuale più reale che possiamo immaginare – l’immagine speculare si trasforma gradualmente in un corpo di dati digitale finché, infine, il visitatore è ridotto a un codice leggibile industrialmente. Alla fine si libera dalla rappresentazione virtuale e si materializza in un display flip-dot. Il secondo modo di leggere il titolo del pezzo, »tu sei codice«, sottolinea che noi stessi siamo costituiti da codice, che tra l’altro si manifesta nel codice genetico.

Achim Menges and Jan Knippers

Maison Fibre

Maison Fiber è un’idea inedita, esposta ed esplorata per immaginare un’alternativa ai metodi di progettazione e costruzione. Qual è il futuro dell’architettura? Come possono gli esseri umani adattarsi e vivere in habitat armoniosi? Una visione sostenibile è stata esposta alla 17. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia 2021, un portale futuristico è stato esposto come approccio alternativo alla progettazione e costruzione di futuri spazi abitabili.
.
University of Stuttgart, Institute for Computational Design and Construction (ICD) ve Institute of Building Structures and Structural Design (ITKE) tarafından Bienal’in bu seneki temasına yanıt niteliğinde tasarlanan proje, tamamen robotik olarak, lifli yapı elemanlarından üretilmiş bir yaşam birimi.
.
Maison Fibre is a novel idea, exhibited and explored to envision an alternative to the methods of design and construction. What is the future of architecture? How can humans adapt and live in harmonious habitats? A sustainable vision was exhibited at the 17th International Architecture Exhibition – La Biennale di Venezia 2021, a futuristic gateway was exposed as an alternative approach to the design and construction of future habitable spaces.

MARGUERITE HUMEAU

Alta Marea
Per il suo spettacolo High Tide, che è stato esposto di recente al Centre Pompidou, Humeau ha scolpito una collezione di mammiferi marini futuristici e ha iniziato a immaginare come potrebbero suonare se potessero raccontare narrazioni complesse. Con clic e fischi meccanici, simili a quelli di balene e delfini, le creazioni di Humeau raccontano una grande alluvione, un diluvio apocalittico che ha scatenato la nascita della loro cultura. “Queste inondazioni”, spiega, “potrebbero essere la conseguenza del cambiamento climatico, dell’innalzamento degli oceani e dell’aria che diventa tossica. Forse la grande alluvione siamo davvero noi. In quanto esseri umani, siamo il diluvio “.