Su Yu Hsin

Frame of reference
Il lavoro Frame of Reference, prodotto in collaborazione con GFZ German Research Center for Geosciences e NCTU Disaster Prevention and Water Environment Research Center, mostra scienziati nella gola di Taroko a Taiwan che studiano la misura in cui le frane sono guidate dal tempo e influenzano il clima. Su Yu Hsin è interessato all’approccio degli scienziati: attraverso l’uso di reti di monitoraggio in tempo reale, il corpo della persona che osserva viene sostituito da telecamere, sismografi e stazioni meteorologiche per vedere oltre la scala del sistema percettivo umano. Con questo lavoro, l’artista Su Yu Hsin si interroga sulla formattazione delle relazioni scalari tra campo, laboratorio e database.

Anne Katrine Senstad

Radical Light
L’ambiente immersivo di sculture di luce di Senstad è un invito a incontrare le sensazioni percettive della luce e del suono in forma pura e il loro effetto trasformativo sull’esperienza dello spazio. Costruito con luci al neon, le proprietà luminali uniche influenzano il nostro sistema cognitivo in cui cadono l’artificialità delle luci a LED In quanto una delle più grandi opere indoor di Senstad fino ad oggi, la scultura di luce è concepita come un monumento e una matrice – una vasta sfera di luce spettrale che consente al pubblico di sperimentare di essere avvolto dalla radiosità della luce degli spettri più alti quando vaga attraverso il storica ex fabbrica di sottomarini che ospita lo spazio espositivo di 450 m2.

MARTIN HESSELMEIER AND ANDREAS MUXEL

Il peso della luce
La luce, come la interpretiamo abitualmente, è un elemento senza massa e gravità. Per “il peso della luce” un motore fisico simula le forze cinetiche di un oggetto in movimento. Questa massa è proiettata su una struttura a forma di onda nello spazio virtuale. L’oggetto in movimento è rappresentato come una particella di luce nello spazio fisico. La gravità, la massa, la densità e l’attrito influenzano la velocità e l’accelerazione di queste particelle di luce. Poiché il movimento delle particelle si basa su una simulazione, non deve aderire alle realtà fisiche che conosciamo dalla vita di tutti i giorni. Pertanto l’installazione va oltre il comportamento previsto. La materia della luce attraversa così una reinterpretazione della nostra realtà conosciuta.