SIGNE PIERCE

Un artista della realtà che prende ispirazione dal quotidiano
Signe Pierce ha acquisito notorietà nel 2015 all’interno dei circoli artistici queer e femministi per il suo video di performance incredibilmente scioccante e toccante, American Reflexxx […] Attualmente, Signe sta elaborando i temi che ha iniziato a esplorare in quel video, come la sorveglianza informatica, i costrutti della femminilità e lo sguardo maschile.

Pia Myrvold

FLOW

Dall’inizio degli anni ’80, Pia MYrvoLD ha lavorato in un ampio campo di tecniche, sviluppando e combinando diversi mezzi: pittura, suono, video, design infrastrutturale, arte vivente e urbanistica e nuove tecnologie. La ricerca ibrida di MYrvoLD all’interno dei media visivi ha dato al mondo dell’arte e del design concetti nuovi e unici, tra cui CyberCouture, vestiti come editoria, opere multi-superficie, interfacce femminili e progetti nell’area di confine tra spazi virtuali e reali – con l’arte interattiva come un elemento ricorrente. MYrvoLD – che ha iniziato come pittrice – ha continuato anche con i media tradizionali e produce continuamente nuove serie di dipinti, grafica, sculture e video, dove la sua narrativa visiva si riferisce alla tecnologia, alla codifica del DNA, agli oggetti e alle interfacce sensoriali, dove la dialettica tra l’oggetto e lo spazio suggerisce linee guida e nuovi codici su come la società può utilizzare e sviluppare nuova sensualità.

MARGUERITE HUMEAU

Alta Marea
Per il suo spettacolo High Tide, che è stato esposto di recente al Centre Pompidou, Humeau ha scolpito una collezione di mammiferi marini futuristici e ha iniziato a immaginare come potrebbero suonare se potessero raccontare narrazioni complesse. Con clic e fischi meccanici, simili a quelli di balene e delfini, le creazioni di Humeau raccontano una grande alluvione, un diluvio apocalittico che ha scatenato la nascita della loro cultura. “Queste inondazioni”, spiega, “potrebbero essere la conseguenza del cambiamento climatico, dell’innalzamento degli oceani e dell’aria che diventa tossica. Forse la grande alluvione siamo davvero noi. In quanto esseri umani, siamo il diluvio “.

SPENCER TUNICK

斯宾塞图尼克
سبنسر تونيك
ספנסר טוניק
スペンサーチュニック
СПЕНСЕР ТУНИК
Spencer Tunick, è un artista provocatorio e controverso, noto per le sue fotografie di grandi gruppi di persone nude disposte in formazioni artistiche, spesso in zone urbane[…] Con gli anni il fotografo Dopo aver realizzato foto di nudi in diversi stati americani nell’ambito di un progetto chiamato “’Naked States”, ha iniziato a viaggiare per il mondo immortalando diverse città quali Londra, Lione, Melbourne, Montreal, Caracas, Santiago, Sao Paulo, Buenos Aires, Sydney, Newcastle, Roma e Vienna.

KICHUL KIM

김기철
sound looking
Kim Kichul ha lavorato continuamente con il suono, contro forme d’arte visive più tradizionali. Per Kim, il suono stesso è il soggetto piuttosto che un elemento aggiunto che compone una parte dell’intera scultura, ed è un continuum già inerente a un significato.
Kim ha iniziato a usare il suono nel suo lavoro attraverso un’esperienza che ha avuto durante l’ascolto della radio. Ha sperimentato qualità del suono spazio-temporale e si è sentito come se stesse guardando il suono fisico reale proveniente da una radio. Il suo lavoro 11-Faced Avalokitesvara presentato nella sua prima mostra personale nel 1993 partiva dalla parola Avalokitesvara, che spiega il sentire il soggetto come se volesse vederlo. Kim fu profondamente commosso da un verso di Bomunpum, il venticinquesimo capitolo del Sutra del Loto, che affermava che se Sattva, nella loro sofferenza, avesse cantato l’Avalokitesvara con una semplice concentrazione, avrebbero potuto raggiungere il Nirvana. Posizionando 10 statue di Avalokitesvara su radio, ciascuna sintonizzata su canali diversi, ha presentato un metodo compositivo per osservare il suono attraverso la sinestesia.
È chiaro che il suono stesso è il principale argomento di interesse di Kim, specialmente attraverso il suo precedente lavoro Sound Looking (1999), che materializza visivamente le proprietà del suono dipendenti dai sensi uditivi. In questo lavoro, le particelle in un tubo trasparente si muovono secondo le onde del suono generato e tutte le cose visibili vengono mobilitate per rivelare il suono invisibile.