Peter Buczkowski

Echo Echo
Echo Echo è un’installazione multimediale interattiva che utilizza gli assistenti virtuali per creare un eco digitale. Attivato dall’interazione umana, ogni dispositivo ascolta il suo predecessore e risponde di conseguenza. Nel corso di questa eco digitale, l’input originale diventa sempre più alienato. Simile al gioco Telephone (tedesco: Stille Post), le informazioni che riceviamo alla fine molto spesso non hanno nulla a che fare con il messaggio originale. Il lavoro è un approccio giocoso e un commento su uno dei problemi più grandi delle nostre attuali vite digitali.

Onformative

Poiché la consapevolezza della realtà è soggetta all’individuo, »Frammenti di RGB« è un esperimento nella deformazione di questo fenomeno attraverso l’interazione e la proiezione di punti luce. Quando lo spettatore si avvicina a uno schermo illusorio, il contenuto cambia per alterare e dissolvere la realtà percepita.
»Frammenti di RGB« sperimenta la percezione e l’illusione a vari livelli. Il classico schermo a LED come supporto è stato simulato e successivamente disintegrato creando un’ottica pixel-like utilizzando una semplice proiezione anziché generare l’intera immagine da singoli punti luce.

Karsten Schuhl

Superpose
L’installazione di sovrapposizione media fenomeni d’onda in continua evoluzione all’interno di uno spazio che sono visibili, udibili e reagiscono alla presenza di una persona nello spazio. Connettere lo spazio e il suono tra loro per creare un ambiente multisensoriale dinamico con l’aiuto degli elementi visivi delle onde nell’acqua. Il suono, stimolo invisibile che si muove nello spazio, presenta al pubblico un filo conduttore tra lo spazio visibile e le vibrazioni fisiche invisibili. superpose esplora il potenziale dell’interazione e del design esperienziale per creare esperienze olistiche che offrono una nuova comprensione di come il suono opera come fenomeno fisico all’interno dello spazio: il pubblico capisce come le onde sonore si propagano nello spazio? Devono?

MEDIATED MATTER

MEDIATED MATTER – Silk Pavilion II
Bloom è un’installazione interattiva che reagisce al movimento e ai gesti del pubblico. Utilizzando un’interattività laser touch, il pubblico genera fiori digitali in fiore che creano una composizione sonora che cambia in base all’azione dell’utente. Costruita secondo un approccio parametrico di architettura sonora e visiva, l’installazione si presenta come un sistema con un elevato processo di creazione casuale. In questo senso, ogni interazione è unica e inimitabile. Il pubblico comunica direttamente al mondo digitale usando il movimento delle mani creando luci e immagini astratte. Questo esplora la pratica del movimento umano per facilitare l’espressione e la comunicazione del movimento e per progettare e sviluppare nuovi paradigmi per l’interazione con i computer attraverso il movimento.

RHIZOMATIKS RESEARCH ELEVENPLAY KYLE MCDONALD

Figure Discrete
Esecutori umani incontrano corpi generati dal computer, visualizzazioni calcolate del movimento incontrano droni svolazzanti! L’intelligenza artificiale e le macchine di autoapprendimento fanno apparire questa tavolozza inedita di progetti di movimento, progetti che trascendono di gran lunga i confini dell’articolazione umana, consentendo uno sguardo profondo nel mondo astratto dell’elaborazione dei dati. Il team di Rhizomatiks Research, guidato dall’artista, programmatore, designer dell’interazione e DJ giapponese Daito Manabe, riunisce il potere collettivo con un numero di esperti, tra cui i cinque ballerini ELEVENPLAY del coreografo MIKIKO e dell’artista di programmazione Kyle McDonald. Il risultato è un’immagine mozzafiato, realizzata magnificamente, insomma: visivamente sbalorditiva.

TEAM LAB

Universo di particelle d’acqua
Universe of Water Particles è una cascata creata in un ambiente simulato al computer. Una roccia virtuale viene prima scolpita e l’acqua generata dal computer composta da centinaia di migliaia di particelle d’acqua viene poi versata su di essa. Il computer calcola il movimento di queste particelle per produrre un’accurata simulazione di cascata che scorre secondo le leggi fisiche. Successivamente, viene selezionato lo 0,1 percento delle particelle e vengono tracciate delle linee in relazione ad esse. La sinuosità delle linee dipende dall’interazione complessiva tra le particelle d’acqua e forma la magnifica cascata vista sullo schermo.

Stanza

The Nemesis Machine
via highlike submit

The Nemesis Machine è una grande installazione (adattata a ogni luogo in cui viene esposta) che è una città in miniatura. Visualizza la vita nella metropoli sulla base dei dati trasmessi da Londra. Quindi la città costruita a Bruges utilizzando componenti elettronici riflette in tempo reale ciò che sta accadendo dall’altra parte della Manica. Piccole telecamere mostrano le immagini dei visitatori in modo che diventino parte della città.Una mini metropoli meccanica funziona su dati urbani in tempo reale. L’opera d’arte cattura i cambiamenti nel tempo nell’ambiente (città) e rappresenta la vita mutevole e la complessità dello spazio come un’opera d’arte emergente. L’opera d’arte esplora nuovi modi di pensare alla vita, all’emergenza e all’interazione all’interno dello spazio pubblico. Il progetto utilizza tecnologie di monitoraggio ambientale e tecnologie basate sulla sicurezza, per mettere in discussione le esperienze del pubblico degli eventi in tempo reale e creare visualizzazioni della vita mentre si svolge. L’installazione va oltre la semplice interazione da parte del singolo utente per monitorare e rilevare in tempo reale l’intera città e rappresentare interamente le complessità della città in tempo reale come un sistema complesso in mutamento, i dati e le loro interazioni, ovvero gli eventi che si verificano nell’ambiente che circonda e avvolge l’installazione – si traducono nella forza che dà vita alla città elettronica provocando il movimento e il cambiamento – cioè, nuovi eventi e azioni – che si verificano. In questo modo la città si esibisce in tempo reale attraverso il suo avatar fisico o doppio elettronico: la città si esibisce attraverso un’altra città. Causa ed effetto diventano evidenti in modo discreto e intuitivo, quando determinati eventi che si verificano nella città reale fanno sì che certi altri eventi si verifichino nel suo doppio completamente diverso, ma perfettamente incorporato. La città avatar non è solo controllata dalla città reale in termini di funzione e funzionamento, ma anche completamente dipendente da essa per la sua esistenza.