TRISHA BROWN

Camminando sul muro
Gli artisti stavano in piedi, camminavano e correvano paralleli al pavimento lungo due pareti adiacenti mentre erano sospesi in speciali cablaggi fissati su cavi a carrelli su binari industriali lungo il soffitto.

Anna Ridler

Mosaic Virus
Mosaic Virus (2018) e Mosaic Virus (2019) sono una serie di opere che raccolgono idee sul capitalismo, il valore e il crollo da diversi punti della storia. Il primo è un pezzo di immagine in movimento a schermo singolo che mostra una griglia di tulipani in continua evoluzione in fiore; la seconda un’installazione video su tre schermi, ognuno dei quali mostra un singolo tulipano. In entrambi i pezzi i tulipani sono controllati dal prezzo del bitcoin, cambiando nel tempo per mostrare come fluttua il mercato e rendendo esplicito questo collegamento. Tulipmania è stato un fenomeno del XVII secolo che ha visto il prezzo dei bulbi di tulipano aumentare e crollare: al culmine andando allo stesso prezzo di una casa di città di Amsterdam prima di scendere al prezzo di una cipolla. È spesso considerato un esempio di uno dei primi casi registrati di una bolla speculativa e si possono fare forti parallelismi con la speculazione in corso sulle criptovalute. C’è un’evidente connessione economica tra i due sistemi – entrambi sono spesso descritti come frenesie instabili – ma per me questa associazione va oltre il modo in cui i prezzi dei due si comportano su un grafico.

GUDA KOSTER

Wandering Mind
Guda Koster è un’artista e fotografo olandese che crea sculture viventi, installazioni montate su più paralleli che poi fotografa. Coi tessuti utilizzati in queste opere, l’artista vuole sottolineare i significati che i nostri abiti trasmettono. Andando oltre alla sua funzione, l’abito divulga un messaggio: “Nella nostra vita quotidiana, comunichiamo identità e posizione sociale principalmente attraverso i nostri vestiti. L’abbigliamento può essere visto come una forma di arte visiva che esprime il modo in cui vediamo noi stessi e il nostro rapporto con il mondo che ci circonda. “

CINESTEIKA

Dina Khuseyn, Patrick K.-H., Oleg Makarov

A multivarious result of visual representation of 3 non-identical structures (dance performance, sound art and animation) points at interactivity as the main possible axis of reference. Necessity of this axis derives from specific interpretations that can only appear by juxtaposing of several systems. It opposes to traditional “parallelism” of media, employed in theater that only imitates causality, but having it already done before performance is starting.
In Cinestetika, each element of each media works as separate PROCESS, but also serves a SIGNAL to other medias. This essential core makes Cinestetika rather an instrument to make a term “live performance” filled with its perfect sense.