RHIZOMATIKS RESEARCH ELEVENPLAY KYLE MCDONALD

Figure Discrete
Esecutori umani incontrano corpi generati dal computer, visualizzazioni calcolate del movimento incontrano droni svolazzanti! L’intelligenza artificiale e le macchine di autoapprendimento fanno apparire questa tavolozza inedita di progetti di movimento, progetti che trascendono di gran lunga i confini dell’articolazione umana, consentendo uno sguardo profondo nel mondo astratto dell’elaborazione dei dati. Il team di Rhizomatiks Research, guidato dall’artista, programmatore, designer dell’interazione e DJ giapponese Daito Manabe, riunisce il potere collettivo con un numero di esperti, tra cui i cinque ballerini ELEVENPLAY del coreografo MIKIKO e dell’artista di programmazione Kyle McDonald. Il risultato è un’immagine mozzafiato, realizzata magnificamente, insomma: visivamente sbalorditiva.

LAWRENCE MALSTAF

Rimpicciolire
Due grandi fogli di plastica trasparente e un dispositivo che aspira gradualmente l’aria tra di loro lasciano il corpo (in questo caso l’artista stesso) confezionato sottovuoto e sospeso verticalmente. Il tubo trasparente inserito tra le due superfici permette alla persona all’interno dell’impianto di regolare il flusso d’aria. Come risultato della crescente pressione tra i fogli di plastica, la superficie del corpo imballato si congela gradualmente in più micro pieghe. Per tutta la durata dello spettacolo, la persona all’interno si muove lentamente e cambia posizione, che varia da una posizione quasi embrionale a una che assomiglia a un corpo crocifisso.

janet echelman

1.78 madrid
Per festeggiare i 400 anni di storia di Plaza Mayor nella capitale spagnola è comparsa, dal 9 al 19 febbraio 2018, un’opera dell’artista Janet Echelman (1966, Tampa, Florida). Il risultato è stato straordinario: un’opera d’arte, sospesa nel cielo, il cui titolo è 1.78. 1.78, è il tempo in microsecondi che, secondo gli scienziati della Nasa, rappresentano il tempo trascorso il giorno del terremoto del Giappone nel 2011, un evento sismico così potente da mutare gli equilibri terrestri accelerando la rotazione del pianeta.

HUSSEIN CHALAYAN

フセイン·チャラヤン
Чалаян
후세인 샬 라얀

Chalayan è sempre stato audace e visionario nel suo lavoro nella moda. Lo stilista-artista ha già portato in passerella una gonna di legno che si è trasformata in un tavolo, abiti che si trasformano se colpiti dal vento, (proveniente da un gigantesco ventaglio in fondo alla passerella, e ancora con l’aria che esce dal pavimento ) e un altro risultato ottenuto utilizzando la tecnologia LED, con il diritto di mostrare video. Oltre alla moda, Chalayan ha diversi progetti artistici come un’installazione realizzata con repliche di pezzi di aerei decorati con cristalli Swarovski e una mostra che mescola sculture, audio e video.

MELANIE BONAJO

梅拉妮·柏娜桥
I beni, per quanto desiderati o utili, possono diventare un peso nel tempo. Tuttavia, diventano anche una parte molto reale di ciò che siamo e delle vite che costruiamo per noi stessi. Melanie Bonajo esplora le nostre relazioni con gli oggetti materiali e il ruolo che giocano nella nostra creazione del “sé”. La serie Furniture Bondage parla della necessità di una perfetta armonia con il mondo che ci circonda. Il risultato è una nuova forma vivente, una fusione del corpo umano con i suoi ornamenti esterni.

BOHYUN YOON

Бохьюн Юн
윤보현
Fragmentation

Bohyun Yoon – Coreano artista contemporaneo – ha creato un insolito impianto intitolato «frammentazione», dedicata alla clonazione e la chirurgia spazio. In essa ha cercato di sottolineare sia i plus di queste nuove aree della scienza, così come i loro svantaggi. E ‘risultato, naturalmente, qualcosa di controverso, ma pur sempre originale.