Su Yu Hsin

Frame of reference
Il lavoro Frame of Reference, prodotto in collaborazione con GFZ German Research Center for Geosciences e NCTU Disaster Prevention and Water Environment Research Center, mostra scienziati nella gola di Taroko a Taiwan che studiano la misura in cui le frane sono guidate dal tempo e influenzano il clima. Su Yu Hsin è interessato all’approccio degli scienziati: attraverso l’uso di reti di monitoraggio in tempo reale, il corpo della persona che osserva viene sostituito da telecamere, sismografi e stazioni meteorologiche per vedere oltre la scala del sistema percettivo umano. Con questo lavoro, l’artista Su Yu Hsin si interroga sulla formattazione delle relazioni scalari tra campo, laboratorio e database.

FLORA&FAUNAVISION

Giardino Della Luna Magenta
Progettata per stimolare la conversazione sulla sostenibilità, le competenze tecnologiche e multimediali in modo giocoso e intuitivo, questa installazione video interattiva comprende tre distinti ambienti visivi (Sunrise Garden, Moon Garden, Magenta Moon) arricchiti con elementi intuitivi e interattivi in ​​tempo reale. L’ambiente e l’esperienza straordinari sono affiancati da contenuti ed eventi online che affrontano argomenti che vanno dall’incitamento all’odio ai cambiamenti climatici, affiancati da un ampio spettro di contenuti online, conferenze e workshop in loco.

QUADRATURE

Supraspettivi
Nel processo di creazione di Supraspectives, il duo di artisti Quadrature ha raccolto i dati di 590 satelliti spia (recenti e precedenti), la cui traiettoria segue l’installazione. Un terzo di loro può essere considerato spazzatura spaziale, poiché sono obsoleti o danneggiati, ma continuano comunque a sorvolare noi. L’installazione calcola in tempo reale i percorsi di tutti quei satelliti e ricostruisce speculativamente la vista che stanno catturando, offrendo immagini intervenute artisticamente di ciò che i satelliti potrebbero osservare. Vengono selezionati principalmente i satelliti che transitano nei pressi della sede espositiva, abbinati ad altre immagini satellitari particolarmente interessanti o suggestive. Inoltre, un’antenna motorizzata appositamente costruita sul tetto si collega in diretta con i satelliti che sorvolano Tabakalera, trasformando i loro veri segnali radio in suono. Ogni volta che l’installazione si collega con un satellite, lo schermo mostra i dati ad esso relativi, come paese di origine o anno di lancio.

ELECTRONICOS FANTASTICOS!

Barcodress/Barcodance
ELECTRONICOS FANTASTICOS! Il progetto ha reincarnato vari dispositivi elettronici di consumo in pensione come strumenti musicali come Electric Fan Harp, CRT-TV Drums, Air Conditioner Harp ecc. La band li suona catturando le onde elettromagnetiche. Il progetto Barcodress mira a creare il nuovo tipo di performance di danza. Gli abiti che hanno registrato suoni come motivi a strisce, i ballerini e gli artisti che scansionano gli abiti, insieme creano onde sonore elettriche in tempo reale. Espandendo i principi della registrazione e riproduzione del suono al corpo, esploriamo nuove possibilità per l’espressione della musica e della danza.

Stanza

The Nemesis Machine
via highlike submit

The Nemesis Machine è una grande installazione (adattata a ogni luogo in cui viene esposta) che è una città in miniatura. Visualizza la vita nella metropoli sulla base dei dati trasmessi da Londra. Quindi la città costruita a Bruges utilizzando componenti elettronici riflette in tempo reale ciò che sta accadendo dall’altra parte della Manica. Piccole telecamere mostrano le immagini dei visitatori in modo che diventino parte della città.Una mini metropoli meccanica funziona su dati urbani in tempo reale. L’opera d’arte cattura i cambiamenti nel tempo nell’ambiente (città) e rappresenta la vita mutevole e la complessità dello spazio come un’opera d’arte emergente. L’opera d’arte esplora nuovi modi di pensare alla vita, all’emergenza e all’interazione all’interno dello spazio pubblico. Il progetto utilizza tecnologie di monitoraggio ambientale e tecnologie basate sulla sicurezza, per mettere in discussione le esperienze del pubblico degli eventi in tempo reale e creare visualizzazioni della vita mentre si svolge. L’installazione va oltre la semplice interazione da parte del singolo utente per monitorare e rilevare in tempo reale l’intera città e rappresentare interamente le complessità della città in tempo reale come un sistema complesso in mutamento, i dati e le loro interazioni, ovvero gli eventi che si verificano nell’ambiente che circonda e avvolge l’installazione – si traducono nella forza che dà vita alla città elettronica provocando il movimento e il cambiamento – cioè, nuovi eventi e azioni – che si verificano. In questo modo la città si esibisce in tempo reale attraverso il suo avatar fisico o doppio elettronico: la città si esibisce attraverso un’altra città. Causa ed effetto diventano evidenti in modo discreto e intuitivo, quando determinati eventi che si verificano nella città reale fanno sì che certi altri eventi si verifichino nel suo doppio completamente diverso, ma perfettamente incorporato. La città avatar non è solo controllata dalla città reale in termini di funzione e funzionamento, ma anche completamente dipendente da essa per la sua esistenza.

Martin Backes

Nature Changes Along with Us
In questo lavoro, azioni apparentemente senza scopo vengono ripetute più e più volte. Una situazione surreale, assurda, che ha a che fare con l’individuo contemporaneo che cerca di controllare la natura in un modo che assomiglia sempre più alla monotonia delle macchine operatrici che abbiamo creato noi stessi. La credenza nella capacità di esercitare un controllo sull’ambiente per il benessere degli individui sembra ancora onnipresente. Rimane incerto se tale percezione di controllo vada anche oltre un semplice desiderio e sia, infatti, una necessità psicologica e biologica?! Dobbiamo riconoscere che nel nostro riuscito controllo sulla natura, ci siamo alienati da essa?

MELANIE BONAJO

梅拉妮·柏娜桥
I beni, per quanto desiderati o utili, possono diventare un peso nel tempo. Tuttavia, diventano anche una parte molto reale di ciò che siamo e delle vite che costruiamo per noi stessi. Melanie Bonajo esplora le nostre relazioni con gli oggetti materiali e il ruolo che giocano nella nostra creazione del “sé”. La serie Furniture Bondage parla della necessità di una perfetta armonia con il mondo che ci circonda. Il risultato è una nuova forma vivente, una fusione del corpo umano con i suoi ornamenti esterni.

JUNG-YEON MIN

ЈУНГ-ЈЕОН МИН
郑妍敏
JUNG-YEON MIN VIENE DALLA COREA DEL SUD, MA ORA VIVE E LAVORA A PARIGI. HA MOLTO INVENTIVO E LE SUE OPERE SUPER IMMAGINATIVE SEMBRANO COME SE POTREBBERO ESSERE INDOTTE DALLA DROGA. LE PERSONE SONO NEI LORO SOGNI, IN UN MONDO SURREALE. C’È UN MIX DI REALISTICO E STRAORDINARIO; IL MICRO E IL MACRO, IL MONDO CHE CONOSCIAMO E QUELLO VIRTUALE. NON C’È TEMPO.

KICHUL KIM

김기철
sound looking
Kim Kichul ha lavorato continuamente con il suono, contro forme d’arte visive più tradizionali. Per Kim, il suono stesso è il soggetto piuttosto che un elemento aggiunto che compone una parte dell’intera scultura, ed è un continuum già inerente a un significato.
Kim ha iniziato a usare il suono nel suo lavoro attraverso un’esperienza che ha avuto durante l’ascolto della radio. Ha sperimentato qualità del suono spazio-temporale e si è sentito come se stesse guardando il suono fisico reale proveniente da una radio. Il suo lavoro 11-Faced Avalokitesvara presentato nella sua prima mostra personale nel 1993 partiva dalla parola Avalokitesvara, che spiega il sentire il soggetto come se volesse vederlo. Kim fu profondamente commosso da un verso di Bomunpum, il venticinquesimo capitolo del Sutra del Loto, che affermava che se Sattva, nella loro sofferenza, avesse cantato l’Avalokitesvara con una semplice concentrazione, avrebbero potuto raggiungere il Nirvana. Posizionando 10 statue di Avalokitesvara su radio, ciascuna sintonizzata su canali diversi, ha presentato un metodo compositivo per osservare il suono attraverso la sinestesia.
È chiaro che il suono stesso è il principale argomento di interesse di Kim, specialmente attraverso il suo precedente lavoro Sound Looking (1999), che materializza visivamente le proprietà del suono dipendenti dai sensi uditivi. In questo lavoro, le particelle in un tubo trasparente si muovono secondo le onde del suono generato e tutte le cose visibili vengono mobilitate per rivelare il suono invisibile.