PETER WILLIAM HOLDEN

Vicious Circle

file festival

Come molti della mia generazione, sono cresciuto succhiando un tubo a raggi catodici e facendo il bagno nelle onde radio. Tutto questo è rappresentato all’interno del mio lavoro, in un collage di movimento, luce e suono. Attualmente con il mio lavoro sto esplorando modi per dissolvere i confini tra cinematografia e scultura. Le mie recenti ricerche su questo tema hanno coinvolto l’uso di computer combinato con elementi meccanici per creare installazioni simili a mandala. Queste installazioni sono il mio mezzo e le uso per creare animazioni effimere. Questa effimera coreografia di movimento è il punto focale del mio lavoro. Credo che questo fascino per le immagini in movimento e la trasformazione degli oggetti derivi dalla mia giovinezza, dove i primi computer domestici degli anni ’80 mi hanno dato uno sguardo nel meraviglioso mondo della matematica applicata. Su questi computer è stato possibile con codici semplici generare fantastici schemi e suoni astratti e quell’incontro ha distrutto per sempre il confine nella mia mente tra astratto e reale. Anche la danza gioca un ruolo significativo nel mio lavoro; Sono stato attratto dalla musica elettronica. L’electro con il suo suono sintetizzato mi ha introdotto alla break-dance e la mia anima è stata catturata dalla bellezza del movimento fisico coreografato.

Judith Barry

Immaginazione Morta Immagina
Una testa androgina è proiettata come contenuta all’interno di un cubo minimalista. I suoni della testa che respirano lentamente riempiono lo spazio. La testa è serena, in attesa. Improvvisamente una sostanza si riversa su di esso da tutte le parti, inzuppandolo in quello che sembra essere un fluido corporeo. Lo spettatore vuole distogliere lo sguardo ma non può, lo sguardo è costretto attraverso l’invocazione della pulsione scopica. L’orrore per la natura ripugnante della sostanza (l’abietto) è sostituito dal fascino per la bellezza di quello che potrebbe essere considerato un sublime contemporaneo.

Yorktown

La USS Yorktown è una delle stazioni spaziali più singolari e interessanti che abbiamo mai visto in un film di Star Trek. E questo incredibile scatto di bellezza è probabilmente una delle mie scene preferite di uno qualsiasi dei film di riavvio di Star Trek.

Rino Stefano Tagliafierro

Beauty
In questa interpretazione di Rino Stefano Tagliafierro la bellezza è riportata alla forza espressiva di un gesto che egli scaturisce dall’immobilità del quadro, animando un sentimento sottraendolo alla fissità museale. Come se in quelle immagini che la storia dell’arte ci ha consegnato fosse congelato un movimento che l’oggi può rivitalizzare grazie al fuoco dell’inventiva digitale.

MARCEL VAN DER VLUGT

Марселя ван дер Влагта
マルセル·ファン·デル·フルーフト
“I Like…”

Marcel van der Vlugt è un fotografo olandese, nato a Naaldwijk nel 1957. Il suo lavoro, che si divide in diverse serie, racconta un mondo misterioso pieno di bellezza. Le sue immagini mostrano corpi fatti di fiori appassiti, occhi bendati e nudi seducenti.

JULIEN PALAST

جوليان بالاست
朱利安皇宫
줄리앙 팔 라스트
ЖЮЛЬЕН ПАЛАС
SKINDEEP SERIES

Il fotografo francese Julien Palast ha sviluppato la serie SkinDeep, un progetto artistico basato sulla bellezza della silhouette maschile e femminile. I corpi, intrappolati in una pellicola plastica, emergono in un sinuoso gioco di curve e colori vivaci.

REBECCA STEVENSON

Ребекка Стивенсон
ريبيكا ستيفنسون
丽贝卡·史蒂文森
sweet shell

Le sculture figurative di Rebecca Stevenson sono allo stesso tempo inquietanti e belle. Usando principalmente poliresina e cera, il suo concetto di solito inizia con una figura umana o animale proiettata in un tenue colore monocromatico che poi sembra sbocciare o decadere con varietà di composti organici multicolori. Questi fiori consumano quasi le figure, dando vita a sculture provocatorie e surreali. Il suo lavoro incarna il processo di creazione e distruzione, rivelando la bellezza che emerge da questo ciclo organico. Alcuni mi ricordano di camminare per i pascoli della fattoria quando ero più giovane e di scoprire vari teschi di animali attraverso i quali l’erba aveva cominciato a arrampicarsi. Se il suo lavoro disturba, è solo perché non cerca di mascherare la macabra bellezza del processo di crescita / decadimento. “Il mio lavoro riguarda il viscerale e il sensuale. Si basa sul disegno anatomico e sull’illustrazione botanica, ma occupa un territorio liminale tra l’indagine scientifica e il corpo immaginario e soggettivo. “

GERDA STEINER AND JORG LENZLINGER

ГЕРДА ШТАЙНЕР И ЙОРГ ЛЕНЦЛИНГЕР
ゲルダ・シュタイナー&ヨルク・レンツリンガー
Lymphatic System

“Il lavoro di Gerda Steiner e Jörg Lenzlinger tratta di un adattamento della natura attraverso la sintesi. La valuta degli artisti svizzeri è una dialettica hegeliana che subisce un ribaltamento empirico con l’uso di oggetti come animali e insetti tassidermizzati, luccicanti stagni di olio per motori, alberi e piante morti e flussi fluenti di sostanze chimiche. Il loro lavoro tratta francamente dell’unità degli opposti come la vita e la morte, il bene e il male, la speranza e la disperazione. È un giro esistenziale altalenante che conferisce bellezza a quasi tutto.”  Steve Peralta