ALEKSANDR SOKUROV

ألكسندر سوكوروف
亚历山大·索科洛夫
Александр Сокуров
FAUST
“Faust” è, a tutti gli effetti, una summa del cinema sokuroviano, ritroviamo le inquadrature magnifiche di “Arca russa”, i colori di “Moloch”, l’immagine lavorata di “Taurus”. Ma, probabilmente, è anche il suo superamento sfruttando il digitale, i diversi formati, un uso ossessivo della luce e dei colori per creare un’opera d’arte estetizzante e unica, straniante, d’impatto. Nonostante il fetore, che lo spettatore realmente percepisce, dei corpi sventrati, gli olezzi emanati da un Mefistofele caustico e fedele servitore – il cosiddetto “povero diavolo” – , Sokurov non concede allo spettatore di immedesimarsi nel Dottor Faust perché, nonostante sia un film dove la scrittura è in primo piano, è piuttosto un’esperienza visiva estrema, fisica e disturbante. Cosa va cercando Faust in giro per la città, nel suo perpetuo rincorrere un sapere che gli è ancora oscuro? Cerca denaro, cibo, corpi, ancorato ad una materialità che non gli consente di conoscere l’Anima, di toccarla con mano. Ha bisogno di vendere l’anima al diavolo firmando col sangue una lettera talmente sgrammaticata da far terminare l’inchiostro per le numerose correzioni che apporta. Non sa che gli aspetta la solitudine eterna e che a nulla vale tumulare il suo diavolo custode.

cinema full (in italiano)

DEVORAH SPERBER

L’artista di New York Devorah Spencer crea arte pixelata a mano. Sono bellissime astrazioni che a prima vista ci sono familiari, ma non si vedono bene finché non lo facciamo con il “binocolo rovesciato” che ci permette di contemplare l’opera nella sua interezza. Ad aggiungere complessità alla materia, il materiale con cui riproduce le opere sono bobine di filo colorato o scovolini, con i quali ottiene gli effetti sorprendenti visti nelle immagini.

LOIE FULLER

Danse Serpentine

La Serpentine è un’evoluzione della gonna dance, una forma di danza burlesque arrivata da poco negli Stati Uniti dall’Inghilterra. La danza della gonna era di per sé una reazione contro le forme “accademiche” di balletto, incorporando versioni addomesticate di danze popolari e popolari come il can-can. La nuova danza è stata originata da Loïe Fuller, che ha fornito diversi resoconti di come l’ha sviluppata. Secondo il suo racconto, che è ampiamente riportato, non avendo mai ballato professionalmente prima, ha scoperto accidentalmente gli effetti della luce del palcoscenico proiettata da diverse angolazioni sul tessuto di garza di un costume che aveva frettolosamente assemblato per la sua performance nella commedia Quack MD, e spontaneamente ha sviluppato la nuova forma in risposta alla reazione entusiasta del pubblico nel vedere il modo in cui la sua gonna appariva alle luci. Durante il ballo ha tenuto la sua lunga gonna tra le mani e l’ha agitata, rivelando la sua forma all’interno. Nelle parole dello storico della danza Jack Anderson, “Il costume per la sua Serpentine Dance consisteva in centinaia di metri di seta cinese che lei lasciava fluttuare intorno a lei mentre gli effetti di luce suggerivano che stesse prendendo fuoco e assumendo forme che ricordavano fiori, nuvole, uccelli ., e farfalle. “

REJANE CANTONI & LEONARDO CRESCENTI

Tunnel
“Tunnel” è una scultura cinetica, immersiva e interattiva, composta da 92 portici disordinati a seconda della posizione e della massa corporea dell’interattore. Molti utenti possono entrare e interagire contemporaneamente con la macchina. Gli interattori agiscono sulla macchina in base alla loro posizione e al loro peso. Un esempio di interazione è: entri nel “Tunnel” e ti trovi vicino a una delle pareti laterali. In questo caso, la posizione relativa e la forza gravitazionale del tuo corpo provocano variazioni dell’altezza del suolo. Il terreno è inclinato fino a 5 °, i relativi portali ruotano gradualmente nella direzione e nell’angolo corrispondenti, che propaga movimenti ondulatori per tutta l’installazione. All’osservatore esterno, il movimento interno o il tuo spostamento rispetto all’installazione produce effetti ottici cinetici.

AURÉLIEN BORY

“Con Sans Objet, volevo introdurre sul palco un robot industriale con la forza di muovere elementi dello scenario oltre che attori. La macchina diventa protagonista a tutti gli effetti. È un braccio articolato e meccanico. È usato come un “burattino” – un essere tecnologico al 100% – nel suo dialogo con un normale uomo contemporaneo “.