ELENE USDIN

ELENE USDIN

source: lookinarttv
Elene usdin is a paris based artist who works primarily in photography. she is part of the creative collective heartland villa that also includes art directors lionel avignon and stefan de vivies. usdin’s work is very diverse and includes work for commercial clients, fashion publications and herself. many of her pieces are seemingly candid often featuring the artist herself as the subject. she also integrates lots of props and masks into her works giving them a surreal touch.
.
.
.
.
.
.
source: opsdidi
Elene Usdin é fotógrafa e ilustradora de livros. Mas, porque que ela está aqui no canal quatro paredes? Se tudo começou em 2002 quando Elene comprou sua primeira câmera e começou a tirar auto-retratos, hoje sua trajetória e inspirações a trouxeram até o nosso site Ops Didi!
O trabalho de Usdin é uma representação dos seus sonhos e pesadelos. Usando como ferramentas sua câmera e moda ela tenta transmitir em seu trabalho a sensação de um sonho acordado. Como protagonistas de sua inspiração e criatividade Elene fotografa em sua grande maioria mulheres: Mulheres da mitologia, da fantasia e dos contos de fada.
.
.
.
.
.
.
.
source: fotogartisticablogspot

“Le mie fotografie sono il teatro delle mie fantasie, rivelano l’intimità della mia storia. A volte sono l’ultimo passo di una lenta riflessione.”

Elene Usdin è un’artista francese, che ha iniziato a lavorare come illustratrice per poi rimanere folgorata dalle possibilità creative della fotografia.

Membro del collettivo Hartland Villa, la Usdin racconta storie in ciascuna delle sue immagini, rivela i sogni più profondi e incubi angoscianti dell’universo femminile, in un costante esercizio di onestà surreale. Maschere, materassi, giocattoli e oggetti vari, vengono utilizzati dalla fotografa francese per rappresentare desideri e preoccupazioni.

Attraverso una reinterpretazione dei luoghi e delle circostanze, Elene costruisce composizioni illusorie, dove non tutte le parti dei corpi vengono rivelate. Ogni punto di vista si trasforma in una postura, una dinamica che ritrae un ponte tra il mondo fisico e quello onirico del corpo e dello spazio.

Tra camere completamente spoglie, si insinua una presenza umana, fredda e fugace, che declina insolite e inquietanti interpretazioni sulla tematica della donna oggetto. Donne lampadario, dentro una valigia o tra i materassi, legate e inespressive diventano oggetti da ammirare o complementi da utilizzare.

Dopo aver vinto il Premio Picto Prize for Young Fashion Photography, la Usdin, ha iniziato a lavorare per varie riviste di moda di Berlino, Amsterdam e Parigi. Vi consiglio di dare uno sguardo al sito dell’artista per avere una visione completa della suo opera.