Anna Ridler

Mosaic Virus
Mosaic Virus (2018) e Mosaic Virus (2019) sono una serie di opere che raccolgono idee sul capitalismo, il valore e il crollo da diversi punti della storia. Il primo è un pezzo di immagine in movimento a schermo singolo che mostra una griglia di tulipani in continua evoluzione in fiore; la seconda un’installazione video su tre schermi, ognuno dei quali mostra un singolo tulipano. In entrambi i pezzi i tulipani sono controllati dal prezzo del bitcoin, cambiando nel tempo per mostrare come fluttua il mercato e rendendo esplicito questo collegamento. Tulipmania è stato un fenomeno del XVII secolo che ha visto il prezzo dei bulbi di tulipano aumentare e crollare: al culmine andando allo stesso prezzo di una casa di città di Amsterdam prima di scendere al prezzo di una cipolla. È spesso considerato un esempio di uno dei primi casi registrati di una bolla speculativa e si possono fare forti parallelismi con la speculazione in corso sulle criptovalute. C’è un’evidente connessione economica tra i due sistemi – entrambi sono spesso descritti come frenesie instabili – ma per me questa associazione va oltre il modo in cui i prezzi dei due si comportano su un grafico.

Julian Scordato

Constellations
File Festival
FILE HIPERSONICA

This work begins from the exploration of an imaginary celestial space which is translated into sound space. How does each celestial sphere – starting from its manifestation as a unit – interact with the cosmos where it belongs? How does it react to its law? How does it transform itself integrating with the system, until the loss of identity? In contrast to this process, the constellations act by highlighting the bodies in their uniqueness through the creation of symbolic links: beyond their meaning, they stand as a classification and articulation device of the individual within the system.
.

Questo lavoro parte dall’esplorazione di uno spazio celeste immaginario che si traduce in spazio sonoro. In che modo ogni sfera celeste – a partire dalla sua manifestazione come unità – interagisce con il cosmo a cui appartiene? Come reagisce alla sua legge? Come si trasforma integrandosi con il sistema, fino alla perdita di identità? In contrasto con questo processo, le costellazioni agiscono mettendo in evidenza i corpi nella loro unicità attraverso la creazione di collegamenti simbolici: al di là del loro significato, si pongono come dispositivo di classificazione e articolazione dell’individuo all’interno del sistema.

TING-TONG CHANG

Robinson
FILE FESTIVAL
A obra “Robinson” faz parte do corpo de trabalho de Ting-Tong Chang que investiga a história dos autômatos na Europa como meio de explorar visões utópicas. A palavra “autômato” é freqüentemente usada para descrever máquinas que se movem sozinhas, especialmente aquelas que foram feitas para se assemelhar a ações humanas ou animais. Do Pato Digesting de Jacques de Vaucanson (1739) ao Teatro Mecânico de Andreas Jakob Graf Dietrichstein (1752), os autômatos divertiram reis e princesas, ensinaram lições morais aos cidadãos e levantaram questões filosóficas profundas.

SHU LEA CHEANG

Avatar do artista
“Para quem não a conhece, Shu Lea Cheang é uma figura da net art e do movimento ciberfeminista que surgiu na década de 1990. Na época, morando em Nova York, ela também era membro ativo do coletivo de vídeo ativista Paper Tiger Television (assim como a cineasta francesa Nathalie Magnan). Desde então, o trabalho de Cheang tem lidado com “questões que incluem sexo, futuro, gênero, ecologia, dinheiro, mídia e comida [para] englobar filme, instalação, trabalho online, processos sociais e intervenção direta nos sistemas sociopolítico, técnico e estético, e os imaginários que os compõem ”. Matthew Fuller

PETER WILLIAM HOLDEN

Vicious Circle

file festival

Come molti della mia generazione, sono cresciuto succhiando un tubo a raggi catodici e facendo il bagno nelle onde radio. Tutto questo è rappresentato all’interno del mio lavoro, in un collage di movimento, luce e suono. Attualmente con il mio lavoro sto esplorando modi per dissolvere i confini tra cinematografia e scultura. Le mie recenti ricerche su questo tema hanno coinvolto l’uso di computer combinato con elementi meccanici per creare installazioni simili a mandala. Queste installazioni sono il mio mezzo e le uso per creare animazioni effimere. Questa effimera coreografia di movimento è il punto focale del mio lavoro. Credo che questo fascino per le immagini in movimento e la trasformazione degli oggetti derivi dalla mia giovinezza, dove i primi computer domestici degli anni ’80 mi hanno dato uno sguardo nel meraviglioso mondo della matematica applicata. Su questi computer è stato possibile con codici semplici generare fantastici schemi e suoni astratti e quell’incontro ha distrutto per sempre il confine nella mia mente tra astratto e reale. Anche la danza gioca un ruolo significativo nel mio lavoro; Sono stato attratto dalla musica elettronica. L’electro con il suo suono sintetizzato mi ha introdotto alla break-dance e la mia anima è stata catturata dalla bellezza del movimento fisico coreografato.

MARC FORNES

Sotto Magnitude
Questo progetto è l’ultimo passo nello sviluppo dopo l’invenzione di Marc Fornes su “Computational Mesh Walking as Structural Stripes”. È anche la più grande fino ad oggi come struttura permanente […] Questo progetto sta sfidando l’eredità di Frei Otto (architetto tedesco e ingegnere strutturale) mediante l’uso e lo sviluppo di ciò che definiamo Curvatura Intensiva (in opposizione alla Curvatura Estesa).
.
Under Magnitude
This project is the last step in development after Marc Fornes’s invention of “Computational Mesh Walking as Structural Stripes“. It is also the largest to date as a permanent structure […] This project is challenging the legacy of Frei Otto (German architect and structural engineer) by using and developing what we call Intensive Curvature (as opposed to Extended Curvature ).

XU ZHEN

徐震是当今中国最有趣,最有前途的艺术家之一。 徐震是一位概念画家,是一位概念画家,他的作品经常采取挑衅性的雕塑,置和干预的形式,面对当代中国和中国的社会政治禁忌,这是一位顽强的艺术家,对全球信息有强烈的需求,并且具有跨多种平台和媒体制作作品的独特能力。

.

Xu Zhen is one of the most interesting and promising artists in China today. Xu Zhen is a conceptual painter and a conceptual painter. His works often take the form of provocative sculptures, installations and interventions. Faced with contemporary China and China’s social and political taboos, this is a tenacious artist. There is a strong demand for global information and the unique ability to produce works across multiple platforms and media.

.

Xu Zhen è uno degli artisti più interessanti e promettenti in Cina oggi. Xu Zhen è un pittore concettuale e un pittore concettuale. Le sue opere assumono spesso la forma di sculture, installazioni e interventi provocatori. Di fronte alla Cina contemporanea e ai tabù sociali e politici della Cina, questo è un artista tenace. C’è una forte richiesta di informazioni globali e la capacità unica di produrre opere su più piattaforme e media.

 

MIKE PELLETIER

МАЙК ПЕЛЛЕТЬЕ
Peristaltic Skin
Questo era un progetto di collaborazione con Lucy McRae creato per il Transnatural Festival nel 2010. La Peristaltic Skin Machine è una sperimentazione sul corpo con liquido, aria, velocità e colore.

studio smack

PARADISE – A contemporary interpretation of The Garden of Earthly Delights

Lo Studio Smack, meglio conosciuto per il video musicale Witch Doctor di De Staat, ha rilasciato una nuova animazione: un’interpretazione contemporanea di uno dei dipinti più famosi del primo maestro olandese Hieronymus Bosch, The Garden of Earthly Delights. Nel loro ultimo lavoro, il gruppo ha ripulito il paesaggio originale del pannello centrale del dipinto di Bosch e lo ha ricostruito in un’allucinante animazione 4K. Le creature che popolano questo parco giochi al coperto incarnano gli eccessi e i desideri della civiltà occidentale del XXI secolo. Consumismo, egoismo, evasione, richiamo dell’erotismo, vanità e decadenza. Tutti i personaggi sono metafore per la nostra società in cui i solitari sciamano nel loro mondo dei sogni digitale. Sono riflessi simbolici dell’ego e dell’immaginazione delle persone come si vedono, a differenza della versione di Bosch, in cui tutti gli individui sembrano più o meno uguali. Da un Hello Kitty arrapato a un serpente del pene che caccia alla coca Da uno spybot incarnato a polli fritti senza testa. Questi personaggi, una volta figure di sogno dipinte con precisione, sono ora modelli 3D creati digitalmente. A tutti loro è stato dato il proprio ciclo di animazione per vagare nel paesaggio. Inserendoli tutti insieme in questo affresco sintetico, il quadro non è mai lo stesso. Ciò che l’animazione e il trittico di Bosch hanno in comune è che difficilmente riuscirai a sopportare tutto, puoi guardarlo per ore. “Paradise” è stato commissionato dal Museo MOTI nei Paesi Bassi per la mostra New Delights, che fa parte del 500 ° anniversario di Hieronymus Bosch. Una gigantesca installazione video di quest’opera è esposta nel Museo fino al 31 dicembre 2016.

ANTHONY GORMLEY

Matrice
“Questo sistema a griglia materializzato dà un grande senso di disorientamento. Mentre sei attratto da queste prospettive push-pull e mentre cammini intorno all’opera, l’impossibilità di conciliare primo piano, piano intermedio e sfondo e l’assenza di qualsiasi figura all’interno di questo terreno minano ogni certezza della stabilità dell’architettura stessa “. Anthony Gormley

NELO AKAMATSU

Chozumaki
CHOZUMAKI di Nelo Akamatsu è costituito da un recipiente di vetro riempito d’acqua. Un piccolo magnete alato che ruota sul fondo della nave produce un vortice. Le minuscole bolle provocano suoni curiosi quando vengono inghiottite nel vortice. Gli spettatori sentiranno questi suoni attraverso un tubo a spirale a forma di condotto cocleare. Esistono innumerevoli vortici nell’universo, inclusa l’enorme rivoluzione della galassia e anche lo spin minimo degli elettroni. Hanno tutti una struttura frattale che sembra essere uno degli elementi fondamentali dell’universo. L’acqua ha un altro ruolo importante in questo lavoro. In numerose culture è associata alla purificazione. La vista e il suono del vortice d’acqua che cambia continuamente forma ricorderà agli spettatori di attraversare il confine tra il mondo fisico e il mondo psicologico e amplierà la loro percezione degli organi vitali.

Yorktown

La USS Yorktown è una delle stazioni spaziali più singolari e interessanti che abbiamo mai visto in un film di Star Trek. E questo incredibile scatto di bellezza è probabilmente una delle mie scene preferite di uno qualsiasi dei film di riavvio di Star Trek.

RYOJI IKEDA

Micro Macro
micro | macro trasforma il padiglione E del MuseumsQuartier in un enorme mondo di immagini e suoni in movimento. Nella sua installazione immersiva, l’artista multimediale Ryoji Ikeda crea un campo di immaginazione tra fisica quantistica, sperimentazione empirica e percezione umana. In collaborazione con scienziati nucleari del CERN, Ikeda ha tradotto complesse teorie fisiche in un’esperienza sensoriale. La scala di Planck viene utilizzata dagli scienziati per indicare lunghezze o intervalli di tempo estremamente ridotti. Concetti come spazio e tempo perdono il loro significato oltre questa scala e la fisica contemporanea deve fare affidamento su teorie speculative. E sull’arte. Visitatori di micro | macro entra in un mondo di dati, particelle, luce e suono che rende gli estremi dell’universo percettibili all’occhio e all’orecchio. Nel micro mondo penetriamo nelle più piccole dimensioni dell’irrappresentabile, mentre nel macro mondo decolliamo in distese cosmiche che ci permettono di sperimentare lo spazio infinito oltre l’universo osservabile. In questo vortice di dati, un fuoco d’artificio acustico e visivo colma il divario tra la comprensione teorica e la percezione sensuale.

CLOUDS ARCHITECTURE OFFICE

AVATAR X Lab
Il progetto è una partnership tra ANA Holdings Inc. e Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA); una parte di AVATAR X, un programma collaborativo per il progresso dell’esplorazione e dello sviluppo dello spazio. ANA e JAXA sono entrambe esperte nel lanciare veicoli nell’atmosfera, la sensazione di sospensione o di “essere nell’aria” è naturale per entrambe le entità. L’AVATAR X Lab Building è progettato come un edificio sospeso che galleggia sopra un cratere simile alla luna. La struttura a più piani galleggia a diciotto metri sopra il fondo del cratere ed è accessibile da un ponte. Quando gli astronauti salgono a bordo di un veicolo spaziale attraversano un ponte; quando saliamo a bordo di un aereo, attraversiamo un ponte a reazione tra il terminal e l’aereo. Questo è il nostro ultimo contatto con un terreno familiare prima di partire per un posto nuovo. L’edificio sospeso incarna questo varco di soglie: dopo aver superato il ponte si viene trasportati in un nuovo luogo, l’AVATAR X Lab Building, dove l’innovazione tecnologica cambierà il modo in cui vediamo il mondo.

NOHLAB

Prima materia
Prima materia, come primo elemento, l’onnipresente materiale di partenza richiesto per i processi alchemici, rivela la trasformazione dei nostri tempi.La materia di tutte le forme crea varie trasmutazioni, attaccate ai processi di laboratorio, cambiamenti di forma e colore in 3D, usati come modello per il processo di individuazione e come dispositivo nell’arte e nella tecnologia. Quella materia pura, esistente in natura, viene convertita in altri corpi imperfetti con cui interagisce, e in questo modo viene riscoperta e portata in primo piano dall’arte e dalla tecnologia.

SIDI LARBI CHERKAOUI

Rotto V
In Fractus V, voglio approfondire le domande sull’informazione e la manipolazione; propaganda contro un approccio più “oggettivo” e fattuale. Prendo anche come punto di partenza la “libertà di espressione“. Certi tabù sono spesso infranti in questi giorni e certe verità sono innegabili ma ci manca ancora la capacità di digerirle o collocarle nel giusto contesto. Per questo motivo siamo spesso spinti a una mentalità “noi contro loro”. Abbiamo le informazioni, ma non sappiamo come usarle.

REJANE CANTONI & LEONARDO CRESCENTI

Tunnel
“Tunnel” è una scultura cinetica, immersiva e interattiva, composta da 92 portici disordinati a seconda della posizione e della massa corporea dell’interattore. Molti utenti possono entrare e interagire contemporaneamente con la macchina. Gli interattori agiscono sulla macchina in base alla loro posizione e al loro peso. Un esempio di interazione è: entri nel “Tunnel” e ti trovi vicino a una delle pareti laterali. In questo caso, la posizione relativa e la forza gravitazionale del tuo corpo provocano variazioni dell’altezza del suolo. Il terreno è inclinato fino a 5 °, i relativi portali ruotano gradualmente nella direzione e nell’angolo corrispondenti, che propaga movimenti ondulatori per tutta l’installazione. All’osservatore esterno, il movimento interno o il tuo spostamento rispetto all’installazione produce effetti ottici cinetici.

PHILLIP STEARNS

Memoria frammentata
Phillip Stearns utilizza in modo creativo tutte le forme di elettronica nel suo lavoro, spesso mescolando luce e suono con tecniche tradizionali come la tessitura. Un aspetto del suo lavoro è la trasformazione della glitch art in disegni intrecciati attraverso il suo marchio tessile concettuale Glitch Textiles, fondato nel 2011. Questo spazia dalla visualizzazione di dati binari grezzi delle applicazioni alla scrittura di algoritmi personalizzati per generare modelli che possono essere trasformati in tattili e funzionali opere d’arte. Un’altra impresa è il trittico Fragmented Memory di grandi arazzi tessuti completato nel maggio 2013 al TextielMuseum di Tilburg, nei Paesi Bassi. Questo progetto ha utilizzato pratiche e processi digitali per sfumare i confini tra fotografia, visualizzazione dei dati, design tessile e informatica.

KOHEI NAWA

Trono
Questo lavoro cerca di esprimere quella premonizione come un immenso “trono vacante fluttuante”. Se istanze di potere e autorità hanno governato sin dai tempi antichi e le piramidi forniscono un esempio, dobbiamo chiederci cosa ci riserverà il futuro. Creata con riferimento alle forme dei carri delle feste e dei santuari portatili che compaiono nei rituali e nelle festività d’Oriente, la scultura fonde le odierne tecniche di modellazione 3D con applicazioni in foglia d’oro che risalgono all’antico Egitto. Nel centro frontale c’è una stanza vuota, spazio sufficiente per far sedere un bambino di 2-3 anni, suggerendo che la nuova intelligenza è ancora in uno stato giovane. Specchietti luminosi e sferici posti al centro davanti e dietro. Realizzati in lamina di platino, rappresentano “gli occhi che guardano il mondo”, dove quello frontale guarda al futuro e il retro si riflette nel passato.

Francesca Fini

Skinned

FILE FESTIVAL

Francesca Fini è un’artista interdisciplinare focalizzata su cinema sperimentale, animazione digitale, nuovi media, installazione e performance art. “Skinned” un collage dadaista che gioca sul concetto di identità, con selfie impossibili realizzati dai protagonisti di capolavori storici della ritrattistica e dell’autoritratto. Cosa si nasconde sotto la pelle, scorticato dalle radiazioni tossiche dei telefoni cellulari? Cosa avrebbero fatto Leonardo da Vinci e Andy Warhol con questo dispositivo malvagio?

Alfredo Pirri

Passi
Palazzo Altemps
l’Opera Passi, trova in questo contesto(Palazzo Altemps) una sua collocazione ideale in quanto contiene gli stessi spunti, le stesse materie e le stesse percezioni offerte dallo spazio che l’accoglie: una visione fatta di frammenti che il tempo tende a rendere fra loro indipendenti pur in una visione unica e un clangore rumoroso e a volte fastidioso che fa da sottofondo. Nel mio lavoro il rumore dello specchio che si frantuma sotto il peso del visitatore, nel museo il rumore del passato fatto di urla, ferro contro ferro, popoli che cantano in maniera selvaggia e sguardi persi nella frase di una poesia.

TIM KNOWLES

Disegni ad albero
Tim Knowles è un artista multidisciplinare britannico. Sebbene neghi di essere ossessionato dal vento, questo elemento ha ispirato molto il suo lavoro, gli piacciono le sue proprietà e la sua mancanza di controllo. Tree Drawing è un ottimo esempio del lavoro di Tim Knowles, appende dei pennarelli sui rami di un albero e aspetta che il disegno venga eseguito dal vento o dalla brezza sui rami. La cosa bella di questo lavoro è che puoi sentire le proprietà intrinseche dell’albero, che può essere flessibile, rigido, leggero, fragile.

NORIMICHI HIRAKAWA

Data
Qualsiasi pixel in un file di filmato digitale può essere descritto come un punto nello spazio euclideo a 6 dimensioni [x, y, R, G, B, t]. le rotazioni nello spazio a 6 dimensioni converte la curva nella forma in gradazione di colore, il colore in movimento nell’asse del tempo, il movimento in curva e la curva in colore. le relazioni tra tutti i pixel vengono conservate matematicamente attraverso la conversione. Questo oggetto visivo è “matematicamente” i dati del film digitale a colori stesso come sequenza di numeri. è una natura dei dati.

MINIMAFORMS

Città emotiva
Emotive City è una cornice per esplorare un modello mobile e auto-organizzativo per la città contemporanea. I modelli del passato sono limitati e non dovrebbero funzionare, in quanto progetti per il nostro futuro urbano, una nuova generazione di ricerca progettuale deve necessariamente affrontare le sfide di oggi. Le tendenze fisse e finite che un tempo servivano all’architettura e all’urbanistica sono state rese obsolete. Oggi le intersezioni di informazione, vita, macchine e materia mostrano complessità che suggeriscono la possibilità di una sintesi molto più profonda. In questo contesto, l’architettura è costretta a rifattorizzare radicalmente la sua risposta alle nuove sfide sociali e culturali con un ambiente di urbanizzazione accelerata. Proponiamo un quadro che partecipa e si impegna con gli ambienti ricchi di informazioni che stanno plasmando le nostre vite attraverso un modello di vita che chiamiamo ecologia adattiva.

LAWRENCE MALSTAF

Rimpicciolire
Due grandi fogli di plastica trasparente e un dispositivo che aspira gradualmente l’aria tra di loro lasciano il corpo (in questo caso l’artista stesso) confezionato sottovuoto e sospeso verticalmente. Il tubo trasparente inserito tra le due superfici permette alla persona all’interno dell’impianto di regolare il flusso d’aria. Come risultato della crescente pressione tra i fogli di plastica, la superficie del corpo imballato si congela gradualmente in più micro pieghe. Per tutta la durata dello spettacolo, la persona all’interno si muove lentamente e cambia posizione, che varia da una posizione quasi embrionale a una che assomiglia a un corpo crocifisso.

YING GAO

Possibili Domani
I due capi robotizzati sono collegati a un sistema di riconoscimento delle impronte digitali. Tuttavia, aggirando il concetto di sicurezza, si animano solo in presenza di estranei le cui impronte digitali non vengono riconosciute dallo scanner. L’estetica e il movimento di questi capi evocano ipotrocoidi, forme prese in prestito dal gioco vintage Spirograph: le loro curve appiattite sono disegnate da un unico punto legato a un cerchio mobile che rotola senza scivolare, sopra e all’interno di un cerchio iniziale. Questo progetto è stato sviluppato da una serie di algoritmi legati al regno del riconoscimento di pattern, o grafico a dispersione.

MAD ARCHITECTS

የቅድመ ዝግጅት ውጤቶች
المهندسين المعماريين
マッドアーキテクツ
ਬਣਾਏ ਲੇਖ
Sinosteel International Plaza
Sinosteel International Plaza è un nuovo punto di riferimento organico per la città riqualificata di Tianjin. Il concetto di design combina forma, struttura e simbolismo culturale in un motivo ripetuto: una facciata esagonale, che si moltiplica e cresce attraverso l’edificio. Questa facciata è composta da cinque diverse dimensioni di finestre esagonali, un elemento tradizionale nell’architettura cinese. Queste finestre scorrono attraverso l’edificio secondo uno schema irregolare e naturale, come le cellule che si moltiplicano. Questo dispositivo anima la facciata, creando un’immagine in continua evoluzione dell’edificio da ogni diversa prospettiva.

ALDO ROSSI

ألدو روسي
알도 로시]
אלדו רוסי
アルド·ロッシ
Альдо Росси
Teatro del Mondo

Il teatro del mondo è stato progettato dall’architetto italiano Aldo Rossi, inaugurato l’11 novembre 1979, nell’ambito della Biennale di Architettura e Teatro di Venezia. Tutto questo sarebbe volgare, se questo fosse davvero un teatro comune, dove vedrai un bello spettacolo delle arti di Thalma. Ma non lo è, e così ho deciso di portarlo a estir@dor. Il “teatro del mondo” si ispirava a una tradizione settecentesca, e intanto scomparve, dal teatro galleggiante che all’epoca ancorò nella città di Venezia di carnevale. L’edificio è stato realizzato in una struttura metallica e rivestito in legno, sia all’interno che all’esterno e sostenuto da una piattaforma galleggiante: una zattera. Formato da un ciottolo centrale con base quadrata di 9,5 m di larghezza e 11 m di altezza e tetto ottagonale in zinco, contiene un palco situato in una zona centrale. Il teatro ha accolto 400 spettatori, di cui 250 seduti, la sua semplicità formale ei colori utilizzati nelle finiture hanno dato un’immagine onirica a questa apparecchiatura che aveva come sfondo Venezia ei suoi canali. Gli utenti che entravano in quel teatro per assistere alla performance artistica degli attori, sono diventati subito se stessi, personaggi di un evento che interagiva con Venezia, osservatori e osservati, da Punta della Dogana, vedendo la Plaza de S. Marcos delle vostre finestre. Una vera Arca di Noè dell’intera Biennale.

PHILLIP TOLEDANO

فيليب توليدانو
菲利普托莱达诺
פיליפ טולדנו
フィリップ·トレダノ
Филипп Толедано

Phillip Toledano nasceu em Londres, filho de um americano e de uma franco-marroquina e começou a tirar as primeiras fotografias quando tinha 11 anos. Phillip Toledano acredita que todos os fotógrafos devem começar a trabalhar com uma ideia. Por outro lado, qualquer que seja a imagem, esta deve deixar algumas questões por responder. A genialidade da sua obra, extrema e estranha, confirma a sua teoria.

ARNO RAFAEL MINKKINEN

O trabalho do fotógrafo Arno Rafael Minkkinen sintetiza vários movimentos e questões da arte contemporânea, principalmente vertentes como a body art, a construção identitária e o nu masculino. Suas imagens relatam uma espécie de jornada épica – representando tanto uma aventura no mundo físico natural e urbano, quanto uma viagem psicológica galgada pelo espírito humano solitário.

JASON HOPKINS

Biostructure
Jason Hopkins, inglese, è l’autore di queste particolarissime illustrazioni realizzate in 3-D. Abhominal, una parola arcaica che vuole dire “inumano”, è il titolo di questo progetto di esplorazione della forma umana. Le “biostrutture” create da Hopkins sono una fusione di forme astratte e patterns geometrici, architettonici e organici.

PAOLO DEGANELLO

Torso armchair
Il tema di questo progetto è il dialogo tra un corpo inanimato, prodotto industrialmente, e il corpo animato di chi vi si siede, dove questo, attraverso il movimento domina, piega, fino a imporre forma al corpo inanimato.
Non è una scocca in plastica ma un insieme di incastri di due forme morbide, rivestite, calde, avvolgenti, dotate ognuna di possibili variazioni.

REMAINS

gloWArp
Tecnologie oggi offrono infinite possibilità di azione in ambito museale e spesso queste sono volte solamente alla spettacolarizzazione. Per questo motivo lo Studio Glowarp ha sviluppato un proprio protocollo di attuazione di una metodologia in ambito museale chiamato A.R.I.M. (Augmented Reality In the Museum) e si avvale della collaborazione di storici, archoelogi ed esperti di comunicazione per la creazione di narrazioni e storytelling digitali che puntino al senso dell’intervento lasciando alla spettacolarizzazione un ruolo importante ma non centrale nella progettazione multimediale.

REBECCA STEVENSON

Ребекка Стивенсон
ريبيكا ستيفنسون
丽贝卡·史蒂文森
sweet shell

Le sculture figurative di Rebecca Stevenson sono allo stesso tempo inquietanti e belle. Usando principalmente poliresina e cera, il suo concetto di solito inizia con una figura umana o animale proiettata in un tenue colore monocromatico che poi sembra sbocciare o decadere con varietà di composti organici multicolori. Questi fiori consumano quasi le figure, dando vita a sculture provocatorie e surreali. Il suo lavoro incarna il processo di creazione e distruzione, rivelando la bellezza che emerge da questo ciclo organico. Alcuni mi ricordano di camminare per i pascoli della fattoria quando ero più giovane e di scoprire vari teschi di animali attraverso i quali l’erba aveva cominciato a arrampicarsi. Se il suo lavoro disturba, è solo perché non cerca di mascherare la macabra bellezza del processo di crescita / decadimento. “Il mio lavoro riguarda il viscerale e il sensuale. Si basa sul disegno anatomico e sull’illustrazione botanica, ma occupa un territorio liminale tra l’indagine scientifica e il corpo immaginario e soggettivo. “

Stanza

The Nemesis Machine
via highlike submit

The Nemesis Machine è una grande installazione (adattata a ogni luogo in cui viene esposta) che è una città in miniatura. Visualizza la vita nella metropoli sulla base dei dati trasmessi da Londra. Quindi la città costruita a Bruges utilizzando componenti elettronici riflette in tempo reale ciò che sta accadendo dall’altra parte della Manica. Piccole telecamere mostrano le immagini dei visitatori in modo che diventino parte della città.Una mini metropoli meccanica funziona su dati urbani in tempo reale. L’opera d’arte cattura i cambiamenti nel tempo nell’ambiente (città) e rappresenta la vita mutevole e la complessità dello spazio come un’opera d’arte emergente. L’opera d’arte esplora nuovi modi di pensare alla vita, all’emergenza e all’interazione all’interno dello spazio pubblico. Il progetto utilizza tecnologie di monitoraggio ambientale e tecnologie basate sulla sicurezza, per mettere in discussione le esperienze del pubblico degli eventi in tempo reale e creare visualizzazioni della vita mentre si svolge. L’installazione va oltre la semplice interazione da parte del singolo utente per monitorare e rilevare in tempo reale l’intera città e rappresentare interamente le complessità della città in tempo reale come un sistema complesso in mutamento, i dati e le loro interazioni, ovvero gli eventi che si verificano nell’ambiente che circonda e avvolge l’installazione – si traducono nella forza che dà vita alla città elettronica provocando il movimento e il cambiamento – cioè, nuovi eventi e azioni – che si verificano. In questo modo la città si esibisce in tempo reale attraverso il suo avatar fisico o doppio elettronico: la città si esibisce attraverso un’altra città. Causa ed effetto diventano evidenti in modo discreto e intuitivo, quando determinati eventi che si verificano nella città reale fanno sì che certi altri eventi si verifichino nel suo doppio completamente diverso, ma perfettamente incorporato. La città avatar non è solo controllata dalla città reale in termini di funzione e funzionamento, ma anche completamente dipendente da essa per la sua esistenza.

Du Zhenjun

Babel

Il primo sinonimo di disordine che compare sul dizionario è babele, con la lettera minuscola
Du Zhenjun trasforma il mondo in una nuova torre di Babele, ma non pensate che questa Terra lo sia già? Non c’è già troppo disordine, ingiustizia e incomprensione?
Il primo sinonimo di disordine che compare sul dizionario è babele, con la lettera minuscola. E nemmeno a farlo apposta tutte le conseguenze della confusione voluta da Dio sono qui, come a giustificare questo aggettivo. Incarniamo la superbia e la supremazia sul mondo, lo stesso che Egli voleva che abitassimo.
Nelle immagini proposte da Du Zhenjun osserviamo una composizione standard: al centro è sempre presente un’interpretazione della Torre, varie forme, varie strutture, varie visioni. Poi tutt’intorno aleggia un’atmosfera grigia, l’atmosfera della realtà. Un ammasso di cose, persone e edifici. Sono parti di fotografie, o meglio di reportage giornalistici, di guerra e non solo.
L’origine della fonte di luce non la individuiamo, è nell’aria: tutto è illuminato, come nelle stampe composite di fine ottocento, antenate del fotomontaggio.

LIZ LARNER

Corridor Red/Green

Liz Larner Non voglio davvero guidare l’interpretazione delle persone del lavoro, ma posso farti sapere cosa ne penso. I problemi legati alla fotografia nel periodo in cui ero alla Cal Arts nei primi anni ’80 mi hanno spinto a voler affrontare il nostro mondo spazialmente e materialmente, ma non come architetto. La scultura affronta molti degli stessi problemi dell’architettura, ma per ragioni diverse. Per me è un mezzo che può affrontare il modo in cui viene prodotto il nostro mondo e i fattori che lo compongono. Per questo motivo, sento che c’è una potenziale poetica nella scultura che è strettamente connessa al nostro mondo come contesto in cui viviamo.

REIN VOLLENGA

Con la passione per la specialità di opere uniche, i pezzi che crea sono in parte assemblati da oggetti trovati prodotti in serie che potremmo riconoscere dalla nostra vita quotidiana ed esistono solo come pezzi unici di Haute Couture. L’intrigo per oggetti che rimandano sia al linguaggio della manifattura industriale che al naturale, sono ciò che compone i suoi materiali, gli assemblaggi vengono poi rivestiti in resina modellata a mano. Usando questo processo modifica le funzioni letterali del singolo oggetto in un pezzo che parla all’immaginazione.

OLAFUR ELIASSON

オラファー·エリアソン
اولافور الياسون
奥拉维尔·埃利亚松
אולאפור אליאסון
Олафур Элиассон
The cubic structural evolution
Al centro del lavoro di Eliasson c’è la considerazione di come percepiamo e viviamo il mondo. Spesso fabbrica fenomeni dall’aspetto naturale (come la luce del sole, l’acqua corrente o la nebbia) in ambienti artificiali come una galleria d’arte. Questi fenomeni fabbricati coinvolgono direttamente i sensi del suo pubblico e sollecitano riflessioni su come viviamo le cose. Eliasson ha descritto questo effetto come la capacità di “vedere se stessi vedendo”. Il progetto di evoluzione strutturale cubica 2004 è un’opera d’arte partecipativa in cui gli spettatori contribuiscono alla costruzione di un mondo Lego. È un lavoro in cui Eliasson incoraggia un livello di coinvolgimento molto diretto. Gli spettatori sono in grado di guidare attivamente la loro esperienza del lavoro mentre prende forma organicamente per tutta la durata della sua installazione.

KICHUL KIM

김기철
sound looking
Kim Kichul ha lavorato continuamente con il suono, contro forme d’arte visive più tradizionali. Per Kim, il suono stesso è il soggetto piuttosto che un elemento aggiunto che compone una parte dell’intera scultura, ed è un continuum già inerente a un significato.
Kim ha iniziato a usare il suono nel suo lavoro attraverso un’esperienza che ha avuto durante l’ascolto della radio. Ha sperimentato qualità del suono spazio-temporale e si è sentito come se stesse guardando il suono fisico reale proveniente da una radio. Il suo lavoro 11-Faced Avalokitesvara presentato nella sua prima mostra personale nel 1993 partiva dalla parola Avalokitesvara, che spiega il sentire il soggetto come se volesse vederlo. Kim fu profondamente commosso da un verso di Bomunpum, il venticinquesimo capitolo del Sutra del Loto, che affermava che se Sattva, nella loro sofferenza, avesse cantato l’Avalokitesvara con una semplice concentrazione, avrebbero potuto raggiungere il Nirvana. Posizionando 10 statue di Avalokitesvara su radio, ciascuna sintonizzata su canali diversi, ha presentato un metodo compositivo per osservare il suono attraverso la sinestesia.
È chiaro che il suono stesso è il principale argomento di interesse di Kim, specialmente attraverso il suo precedente lavoro Sound Looking (1999), che materializza visivamente le proprietà del suono dipendenti dai sensi uditivi. In questo lavoro, le particelle in un tubo trasparente si muovono secondo le onde del suono generato e tutte le cose visibili vengono mobilitate per rivelare il suono invisibile.