Cosentino and Benjamin Hubert

Raytrace
“È il sogno di un designer. Il processo è altamente tecnologico ma anche abbastanza artigianale; è una divisione intrigante. E parte di questo processo consiste nel rimuovere ogni traccia di acqua dal materiale usando un calore e una pressione incredibili. L’idea dell’installazione era di reintrodurre l’acqua, o almeno i giochi di luce che si ottengono dall’acqua, l’effetto della luce che gioca su un ponte su un fiume. È qualcosa che cattura sempre l’immaginazione.’ Raggiungere questo effetto ha richiesto tempo, fatica e trucchi algoritmici. “Volevamo ottenere il massimo effetto dalla cosa più piccola”, afferma Hubert. “Inizialmente abbiamo provato a usare un sottile strato di acqua in movimento sul vetro, ma ci è sembrato troppo letterale. Poi abbiamo pensato al modo in cui una sfera di vetro può diffondere la luce.’

NED KAHN

Pergolato di Nuvole
Una sfera di nebbia di 20 piedi di diametro si forma all’interno di una foresta di pali di acciaio inossidabile. Gli ugelli della nebbia ad alta pressione incorporati nei pali alti 30 piedi convertono l’acqua in una nuvola che appare e svanisce ogni pochi minuti. Una collaborazione con l’architetto paesaggista Andi Cochran e il Pittsburgh Children’s Museum. Completato nel 2012.

ANISH KAPOOR

Espejo Islámico
El Espejo Islámico es un espejo cóncavo circular que mide 2,4 metros de diámetro. Está compuesto por un total de 4437 piezas de acero inoxidable pulido (2241 octágonos y 2196 cuadrados) y su perfecta interpretación alude a la transición formal, matemática y geométrica entre el cuadrado y la esfera, una preocupación intelectual milenaria para arquitectos, místicos , científicos y artistas por igual.

AZUMA MAKOTO

L’artista azuma makoto di Tokyo in collaborazione con john powell di JP aerospace ha completato un volo spaziale botanico, inviando un bonsai di pino bianco giapponese sospeso da un telaio in fibra di carbonio e una composizione di orchidee, ortensie, gigli e iris, tra le altre piante nella stratosfera. lanciata con un pallone appositamente attrezzato dal deserto di roccia nera in Nevada, la missione, intitolata “exbiotanica”, è stata concettualizzata per consentire a diverse piante di entrare nell’ignoto, lontano dalla terra.

Larissa Sansour

Monument for Lost Time
Commissionato dalla Danish Arts Foundation per la 58a Biennale di Venezia, Monument for Lost Time prende un oggetto psicologico dalla finzione di In Vitro e lo converte in un fatto fisicamente imponente. La sfera è verniciata in Black 2.0, una tonalità così nera che non viene riflessa la luce. Questo trasforma la sfera in un’illusione ottica, rendendola virtualmente assente, ma allo stesso tempo intimidatoria e opprimente, come incarnazione di un trauma ereditato. I pavimenti sono in cemento, con piastrelle intervallate prodotte da una Anan Tiles di Nablus, creando un intervento architettonico. Le pareti sono grigio chiaro e un paesaggio sonoro basato su vibrazioni a bassa frequenza fa da sfondo.

Anne Katrine Senstad

Radical Light
L’ambiente immersivo di sculture di luce di Senstad è un invito a incontrare le sensazioni percettive della luce e del suono in forma pura e il loro effetto trasformativo sull’esperienza dello spazio. Costruito con luci al neon, le proprietà luminali uniche influenzano il nostro sistema cognitivo in cui cadono l’artificialità delle luci a LED In quanto una delle più grandi opere indoor di Senstad fino ad oggi, la scultura di luce è concepita come un monumento e una matrice – una vasta sfera di luce spettrale che consente al pubblico di sperimentare di essere avvolto dalla radiosità della luce degli spettri più alti quando vaga attraverso il storica ex fabbrica di sottomarini che ospita lo spazio espositivo di 450 m2.

Julian Scordato

Constellations
File Festival
FILE HIPERSONICA

This work begins from the exploration of an imaginary celestial space which is translated into sound space. How does each celestial sphere – starting from its manifestation as a unit – interact with the cosmos where it belongs? How does it react to its law? How does it transform itself integrating with the system, until the loss of identity? In contrast to this process, the constellations act by highlighting the bodies in their uniqueness through the creation of symbolic links: beyond their meaning, they stand as a classification and articulation device of the individual within the system.
.

Questo lavoro parte dall’esplorazione di uno spazio celeste immaginario che si traduce in spazio sonoro. In che modo ogni sfera celeste – a partire dalla sua manifestazione come unità – interagisce con il cosmo a cui appartiene? Come reagisce alla sua legge? Come si trasforma integrandosi con il sistema, fino alla perdita di identità? In contrasto con questo processo, le costellazioni agiscono mettendo in evidenza i corpi nella loro unicità attraverso la creazione di collegamenti simbolici: al di là del loro significato, si pongono come dispositivo di classificazione e articolazione dell’individuo all’interno del sistema.

OLAFUR ELIASSON

Algenfenster
Algenfenster ist eine Anordnung von Glaskugeln, die in einer Wand montiert sind. Direkt hinter der Wand und den Kugeln befindet sich ein Fenster; So erscheinen in jeder Sphäre lebendige, invertierte Miniaturansichten der Szene außerhalb der Galerie und bewohnen sie. Die Zusammensetzung der Arbeit ähnelt stark der Struktur eines Typs einzelliger Algen, die als Kieselalgen bekannt sind und große Mengen Kohlenstoff aus der Atmosphäre entfernen.

.

Janela de algas
A janela de algas é um arranjo de esferas de vidro que são montadas em uma parede. Há uma janela logo atrás da parede e das bolas; Assim, em cada esfera, miniaturas vivas e invertidas da cena aparecem fora da galeria e a habitam. A composição da obra se assemelha muito à estrutura de um tipo de alga unicelular conhecida como diatomácea, que remove grandes quantidades de carbono da atmosfera.

 

OLAFUR ELIASSON

Vendo esferas
Cada uma das esferas de visão de Olafur Eliasson suporta uma face espelhada circular plana, emoldurada por um anel de luzes LED, que é orientado para dentro para refletir as faces espelhadas das esferas circundantes. Juntos, eles produzem um ambiente surpreendente de espaços refletidos em várias camadas, nos quais as mesmas pessoas e cenários aparecem repetidamente, visíveis de vários ângulos inesperados. Conjuntos de reflexos aninhados em forma de túnel se abrem nos espelhos, repetindo-se inúmeras vezes e desaparecendo na distância.

NBBJ

Las esferas
The Spheres, un nuevo y dinámico lugar de trabajo en el corazón de la sede de Amazon en el centro de Seattle, se abrió hoy a miembros de la prensa y empleados selectos de Amazon.

VERENA FRIEDRICH

El largo ahora
Una pompa de jabón generalmente permanece estable solo por unos momentos: es una esfera perfectamente formada con una superficie iridiscente que refleja su entorno. Como uno de los símbolos clásicos de la vanitas, la pompa de jabón representa tradicionalmente la fugacidad del momento y la fragilidad de la vida. THE LONG NOW aborda la pompa de jabón desde una perspectiva contemporánea, con referencia a sus propiedades químicas y físicas, así como a los recientes avances científicos y tecnológicos. THE LONG NOW tiene como objetivo extender la vida útil de una pompa de jabón, o incluso preservarla para siempre. Usando una fórmula mejorada, una máquina genera una burbuja, la envía a una cámara con una atmósfera controlada y la mantiene en suspensión el mayor tiempo posible. El proyecto se presenta bajo la forma de un montaje experimental en el que la pompa de jabón recién creada oscila permanentemente entre la fragilidad y la estabilidad.

CLOUDS ARCHITECTURE OFFICE

AVATAR X Lab
Il progetto è una partnership tra ANA Holdings Inc. e Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA); una parte di AVATAR X, un programma collaborativo per il progresso dell’esplorazione e dello sviluppo dello spazio. ANA e JAXA sono entrambe esperte nel lanciare veicoli nell’atmosfera, la sensazione di sospensione o di “essere nell’aria” è naturale per entrambe le entità. L’AVATAR X Lab Building è progettato come un edificio sospeso che galleggia sopra un cratere simile alla luna. La struttura a più piani galleggia a diciotto metri sopra il fondo del cratere ed è accessibile da un ponte. Quando gli astronauti salgono a bordo di un veicolo spaziale attraversano un ponte; quando saliamo a bordo di un aereo, attraversiamo un ponte a reazione tra il terminal e l’aereo. Questo è il nostro ultimo contatto con un terreno familiare prima di partire per un posto nuovo. L’edificio sospeso incarna questo varco di soglie: dopo aver superato il ponte si viene trasportati in un nuovo luogo, l’AVATAR X Lab Building, dove l’innovazione tecnologica cambierà il modo in cui vediamo il mondo.

ASIF KHAN

MegaFacces
Valentin Spiess di iart, spiega come funziona il sistema. «Dietro il telone ci sono più di 10mila cilindri telescopici estensibili, sormontati da una sfera con il LED colorato. Quando la persona da ritrarre entra nel gabbiotto per il selfie, vengono scattate 5 immagini che un computer assembla in un rendering 3D. Una volta terminato il disegno, le informazioni vengono inviate al sistema che regola il posizionamento dei cilindri telescopici che si mettono nella posizione giusta per far apparire il viso prescelto». Il sistema è stato costruito in modo da poter essere riutilizzato. Come una specie di Mount Rushmore mobile e per tutti.

olafur eliasson

オラファー·エリアソン
اولافور الياسون
奥拉维尔·埃利亚松
אולאפור אליאסון
ОЛАФУР ЭЛИАССОН
water fall versailles
Palácio de Versalhes recebe exposição de artista islandês que conta com uma queda d’água que parece surgir do meio do nada. Componente de uma exposição que propõe alterar as silhuetas do Palácio de Versalhes, a queda d’água do Grand Canal é com certeza a mais impactante. A estrutura amarela é escondida pela corrente de água e as nuvens adjacentes, fazendo com que a queda tenha sua origem incerta, parecendo ter aparecido do nada. O artista islandês Olafur Eliasson é conhecido por seus trabalhos grandiosos que conseguem alterar toda atmosfera explorando a luz, profundidade e sensações.

MICHAEL BURTON

Astronomical Bodies

Astronomical Bodies is based on the research of Dr. Terence Kee of the University of Leeds. He proposes that that a reactive form of phosphorus arrived on the early Earth via meteorite impacts. His research found that phosphorus from space was more suitable for the chemical reactions to develop complex life. Astronomical Bodies reverses this process and tries to transform phosphorus harvested from the body — in the form of kidney stones and urine — into manmade meteorites. Rather than the traditional idea of transpermia addressed in a host of science fiction writings and films, Astronomical Bodies proposes that the galactic transferal of life-promoting chemicals is a natural process that we can facilitate.

ASIF KHAN

アシフ·カーン
아시프 칸/
Асиф хан
megaface

Valentin Spiess di iart, spiega come funziona il sistema. «Dietro il telone ci sono più di 10mila cilindri telescopici estensibili, sormontati da una sfera con il LED colorato. Quando la persona da ritrarre entra nel gabbiotto per il selfie, vengono scattate 5 immagini che un computer assembla in un rendering 3D. Una volta terminato il disegno, le informazioni vengono inviate al sistema che regola il posizionamento dei cilindri telescopici che si mettono nella posizione giusta per far apparire il viso prescelto». Il sistema è stato costruito in modo da poter essere riutilizzato. Come una specie di Mount Rushmore mobile e per tutti.

Sydney Sie

Сидни Си
Gradient Colors and Female Forms

Sydney Sie es una diseñadora gráfica y fotógrafa originaria de Taiwan. Aunque también ilustra y anima, lo que más me llamó la atención de su portafolio fueron sus fotografías, pues están llenas de gradientes de colores pasteles que les dan un toque ultra femenino (sin estar lleno de glitter y corazoncitos), y que a la vez están cargadas de misterio y surrealismo. Crea atmósferas e ilusiones ópticas mediante espejos y figuras geométricas que cortan y hacen contraste con las figuras suaves y femeninas.

Honji Wang and Sebastien Ramirez

Everyness
A cada escena, els sis personatges expressen les seves diferències d’energia, d’estil i de morfologia. Els creadors s’inspiren en la vida quotidiana, el conflicte i l’atracció en una bella combinació d’energia i tendresa. Un setè personatge és l’esfera blanca obra de l’artista plàstica Constance Guisset, que experimenta transformacions segons les emocions que tenen lloc a l’escenari.

Du Zhenjun

Babel

Il primo sinonimo di disordine che compare sul dizionario è babele, con la lettera minuscola
Du Zhenjun trasforma il mondo in una nuova torre di Babele, ma non pensate che questa Terra lo sia già? Non c’è già troppo disordine, ingiustizia e incomprensione?
Il primo sinonimo di disordine che compare sul dizionario è babele, con la lettera minuscola. E nemmeno a farlo apposta tutte le conseguenze della confusione voluta da Dio sono qui, come a giustificare questo aggettivo. Incarniamo la superbia e la supremazia sul mondo, lo stesso che Egli voleva che abitassimo.
Nelle immagini proposte da Du Zhenjun osserviamo una composizione standard: al centro è sempre presente un’interpretazione della Torre, varie forme, varie strutture, varie visioni. Poi tutt’intorno aleggia un’atmosfera grigia, l’atmosfera della realtà. Un ammasso di cose, persone e edifici. Sono parti di fotografie, o meglio di reportage giornalistici, di guerra e non solo.
L’origine della fonte di luce non la individuiamo, è nell’aria: tutto è illuminato, come nelle stampe composite di fine ottocento, antenate del fotomontaggio.

Winy Maas and Rob Nijsse

The Pixel Power

A investigação, cujos resultados foram apresentados nesta exposição, centrou-se na procura de novos princípios de organização de grandes estruturas, exemplificada com um edifício alto. Foi realizado por manipulações sistemáticas das correlações entre as esferas pública e privada, respectivamente representadas de forma abstrata pelo pixel fechado e ‘o pixel aberto’. Essas transformações exploraram diferentes hierarquias possíveis, entre os pixels abertos e fechados, bem como as partes e o todo, questionando aspectos como a redução dos espaços públicos ao átrio do céu e ao pedestal, o domínio do núcleo ou a repetição dos pisos . Todos os experimentos foram conduzidos com a premissa de que seus resultados devem permanecer abstratos, binários e mensuráveis. Eles trataram apenas das inter-relações entre aberto, fechado, vazio e cheio. A tarefa não definiu nenhum programa específico, nem objetivou a realização de um projeto elaborado. Os resultados podem ser entendidos como um conjunto de Nolli Maps tridimensionais de cidades inexistentes, representações de realidades urbanas complexas, que articulam relações entre espaços cheios e vazios – neste caso volumes. O uso do tijolo LEGO como ferramenta de modelagem permitiu medir os volumes e estimar sua capacidade de facilitar um projeto arquitetônico potencial. Fornecendo um esboço válido para uma elaboração posterior das relações exploradas em uma proposta de design.

Werner Herzog

Nosferatu: Phantom der Nacht
Cinema